Nino Genovese

Antonino Genovese, classe ’84, è anestesista, rianimatore e algologo. Ha all’attivo diverse pubblicazioni: Teste (Ed. Il Foglio 2004), Il Principe Marrone (Ed. Il Foglio 2008), Il Dottor Maus e il Settimo Piano (Ed. Smasher 2009), Il nonno è un pirata (Ed. Il Foglio 2017)

Il Maresciallo Bonanno
Roberto Mistretta
Fratelli Frilli Editore
di Antonino Genovese

Lo abbiamo aspettato con fervida attesa e finalmente ha colmato un vuoto che non poteva mancare nelle nostre librerie.

Il Maresciallo Bonanno ha finalmente trovato casa, una nuova casa Editrice (Fratelli Frilli) e una nuova veste grafica, ma non ha perso lo smalto dei vecchi tempi.

La saga è appena all’inizio, questa è la prima indagine condotta dal Maresciallo Saverio Bonanno, comandante del nucleo operativo di Villabosco (Mussomeli), una cittadina dell’entroterra Siciliano. Chi legge da molto tempo Roberto Mistretta noterà che questo libro era già stato edito molti anni fa da una piccola casa editrice nissena, Terzo Millennio, ma nonostante ciò rileggerlo è sempre un piacere.

Roberto Mistretta ci catapulta con ironia in una Sicilia dai mille volti, dipinta sapientemente con rapide pennellate. Basta scivolare velocemente tra le pagine e non è difficile assaporare l’odore dei campi, abbandonarsi alla brezza del mare, o, meglio ancora, inzuppare la brioche nella granita. La Sicilia e le sue mille contraddizioni sono lo scenario in cui si muovono le azioni di Saverio Bonanno.

Il protagonista non è il “solito” ispettore super-eroe che sconfigge i cattivi, ma un maresciallo “normale”. Un Saverio Bonanno lo possiamo incrociare nella nostra vita senza alcuna difficoltà. E’ un uomo ordinario, in sovrappeso, in lotta perenne con la dieta, separato dalla moglie, che ha preferito abbandonarlo insieme alla figlia, pur di  correre dietro a un trapezista. Ironico, romantico e commovente è il rapporto che Bonanno ha con la figlia, Vanessa, con la quale cerca di sopperire alla mancanza di affetto paterno. Divertenti i siparietti con il brigadiere Steppani, amante della guida spericolata e delle auto da corsa.

Roberto Mistretta con sagace maestria scava all’interno dell’animo umano, la parte più scura che c’è dentro ognuno di noi, e si troverà a indagare sulla morte di un pescivendolo dalla vita intrigante, tra bische clandestine e segreti nascosti, tra scarpe costose da rintracciare e cassette bancarie da scardinare, mentre occhi pelosi e malefici divorano ciò che è più sacro nella vita: l’innocenza.

Il Maresciallo Bonanno è un noir da non perdere, non solo per gli appassionati del genere, ma per tutti gli amanti della letteratura contemporanea.

 

 

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *