I ragazzi di via Gaeta
di Gordiano Lupi

Non giocano più con tappini e buchette, i ragazzi di via Gaeta. Non si svegliano al rumore del lattoniere che percuote lamiere e speranze. Non odono la fiamma ossidrica del fabbro e non vanno più a comprare il pane dal Bonanni, i ragazzi di via Gaeta. Non vanno a messa la domenica da Don Claudio con la scusa del biliardino e del cinema parrocchiale. Non comprano più mozzarelle Galbani e Bel paese, i ragazzi di via Gaeta. E non bevono caffè al Bar Stadio dove Galliano non racconta più un passato da centravanti che correva sui campetti sterrati dell’Isola d’Elba. Non frequentano più l’asilo Spranger, con le suore vestite di nero, i ragazzi di via Gaeta. Non sentono più profumo di carbone uscire dall’altoforno, non osservano finti tramonti e gabbiani come aeroplani da abbattere con fucili immaginari fatti di canne divelte. Non comprano più sigarette di contrabbando in un albergo di via Pisacane e neppure pacchetti di Nazionali senza filtro nella tabaccheria che resiste, tra corso Italia e ricordi. Non sfogliano fiumetti alla Rinascita sognando di comprarli tutti quando saranno ricchi, mentre un padrone dalla faccia lunare sorride e conosce la storia perché fa parte dei ricordi. Non fanno più colazione con le bocche di leone, i ragazzi di via Gaeta, e non vanno a sbucciarsi i ginocchi in piazza Dante correndo dietro a un Super Tele comprato al mercato. Non aspettano Ponzio con i suoi bomboloni all’uscita di scuola, i ragazzi di via Gaeta, non vedono Pino il cenciaio passare col barroccio che grida con voce roca, non attendono l’arrotino o il materassaio. Sono tutti perduti, i ragazzi di via Gaeta, sparpagliati per le strade d’un mondo che da tempo non è il loro mondo, ma devono viverlo. Un giorno torneranno, i ragazzi di via Gaeta, abbracciandosi in un sogno, un giorno torneranno cavalcando ricordi. Sarà tutto diverso, niente conserverà il sapore del passato, neppure un cortile annerito e una rampa di scale, neanche il fantasma d’un nonno cantastorie, neppure un gelato evanescente comprato dal Pellegrini. Tutto profumerà di rimpianto.

 

(da ascoltare in sottofondo Le ragazze della notte di Francesco Guccini)

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *