Virgilio Piñera e i suoi racconti freddi

Quando la Letteratura è resistente e di resistenza

Iannozzi Giuseppe

Virgilio Piñera fu ed è tutt’ora, nonostante i tentativi della dittatura stalinista di Fidel Castro di imbavagliarlo. La sua memoria rimane intatta, seppur mistificata, perché a Cuba, anche da morto, Piñera continua a essere uno scrittore scomodo. Piñera morì a l’Avana il 18 ottobre 1979. La stampa cubana tenne vivo il silenzio e così pure quella italiana. Nessuno, proprio nessuno si preoccupò di dire al mondo che Virgilio Piñera era morto. La sua dipartita potrebbe essere definita assurda, non c’era difatti anima viva ad accompagnarlo alla tomba.

“Virgilio si stava affermando come il più importante drammaturgo cubano vivente, ma non se ne rendeva conto, o forse il fatto di non dare importanza alle cose faceva parte della sua natura. Metteva in scena un’opera immortale come Electra Garrigó, ispirata al teatro greco, primo lavoro in assoluto ad avere il diritto di essere definito teatro dell’assurdo. Nonostante tutto quando Virgilio morì non apparve nemmeno una riga sulla stampa cubana, ma solo «El País» di Madrid dedicò poche righe all’evento luttuoso. Virgilio morì anonimo, invisibile come aveva vissuto, odiava i maestri e gli intellettuali; incapace di salire in cattedra, mal sopportava chi si arrogava il diritto di farlo. […] Virgilio era omosessuale, ma adesso veniva schedato come ‘frocio pericoloso’ e lo mettevano pure in galera. Tutto perché ospitava in casa un amico teatrante insieme al suo amante, forse anche perché avevano trovato foto oscene in un suo cassetto. Per lui fu un’esperienza atroce…” – (da “Lezama Lima e Virgilio Piñera” di Gordiano Lupi)

Virgilio Piñera, maestro indiscusso del teatro dell’assurdo, combatté il regime di Castro scrivendo racconti, poesie, romanzi brevi, opere teatrali.
In Italia Virgilio Piñera è ancora poco conosciuto, e forse solo gli amanti della Letteratura cubana ne sanno qualcosa. Gordiano Lupi conosce bene le Opere di Virgilio Piñera e ce lo fa conoscere anche a noi attraverso la raccolta Cuentos fríos. Racconti freddi (Edizioni Il Foglio).
Cuentos fríos raccoglie ventidue racconti scritti fra il 1944 e il 1956, “Lezama Lima e Virgilio Piñera”, uno scritto di Gordiano Lupi (che è anche il traduttore dei racconti) e un saggio critico di Antón Arruffat, “Appunti e brevi considerazioni su Piñera”. Di Piñera, Gordiano Lupi ha anche tradotto e pubblicato Il peso di un’isola, ebook che si può scaricare gratuitamente su Amazon.it

Il teatro dell’assurdo, termine coniato dal critico Martin Esslin, fra i suoi maggiori esponenti ha anche avuto autori dell’Esistenzialismo come Albert Camus e Jean-Paul Sartre, oltre a Alfred Jarry, Samuel Beckett, Jean Genet, Boris Vian e molti altri. Questo genere ha avuto il suo apice fra gli anni Quaranta e gli anni Sessanta.
Virgilio Piñera, scrittore purtroppo ancora poco conosciuto in Italia, ha saputo resistere alla ideologia castrista grazie al teatro dell’assurdo. Fidel Castro diceva: “Nella Rivoluzione tutto. Fuori della Rivoluzione niente. Il primo diritto della Rivoluzione è quello di esistere. Contro la Rivoluzione non può essere ammessa un’attività intellettuale che ne metta in pericolo l’esistenza”. Virgilio Piñera, in maniera molto laconica, replicava: “Ho molta paura. Non so perché ho questa paura, però so che è la sola cosa che voglio dire”.

Cuentos fríos. Racconti freddi 
di Virgilio Piñera è oggi una lettura più che mai necessaria. A molti il castrismo potrebbe sembrare sol più un fatto storico, però così non è, e chi vive a Cuba lo sa bene. Il lavoro di Piñera non è attuale soltanto per chi ama la letteratura cubana, è invece Letteratura che descrive il nostro presente storico: il mondo è invaso da dittatori più o meno dichiarati come Kim Jong-un (Corea del Nord), Robert Mugabe (Zimbabwe), Re Abdullah (Arabia Saudita), Bashar al-Assad (Siria), ma anche da personaggi a dir poco ambigui come Vladimir Putin e Donald Trump.

Cuentos fríos. Racconti freddi di Virgilio Piñera (Edizioni Il Foglio) è un libro resistente e di resistenza che non conosce le mode perché sempre attuale, drammaticamente attuale.

Cuentos fríos. Racconti freddi Virgilio Piñera – Traduttore: Gordiano Lupi – Edizioni Il Foglio – Collana: Letteratura cubana contemporanea – pagine: 160 – Isbn: 978-8876066924 – Prezzo: 15 Euro

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *